Luoghi e monumenti

 

 

Come monumenti di particolare interesse storico e di particolare attrattiva artistica dell'abitato di Aurigo segnaliamo:

  Il Santuario di Sant'Andrea  

  Il Santuario di San Paolo  

 


 
 

Santuario di Sant'Andrea


L Il santuario di Sant'Andreaa chiesa di Sant'Andrea sorge isolata, in alto, a un quarto d'ora dal paese; secondo il Lamboglia, essa è un resto dell'organizzazione della valle nel periodo anteriore al passaggio sotto i conti di Ventimiglia (essa fu ab antiquo nel Comitato di Albenga e rimase sotto l'amonima diocesi), sebbene nominata per la prima volta in un documento del 1242.
Essa si distaccò nel 1424 dalla chiesa matrice dei santi Nazario e Celso del Maro, mentre solo nel XVII° secolo cedette i diritti e la sede parrocchiale alla chiesa di santa Maria.
Mentre la chiesetta è stata rifatta in forma barocca (anche se contiene nell'abside tracce della della costruzione medievale) e si presenta oggi intonacata, il campanile mantiene invece la massiccia struttura del XII° secolo, più in forma di torre difensiva che di vero e proprio campanile (e forse è da collegare, come momento costruttivo, ad un'opera analoga, nota come a Corumbera, i cui ruderi si vedono sull'opposto contrafforte che dal M. Guardiabella scende su Aurigo).
Il panorama che si gode da questo santuario e' stupendo: si ha una visione completa su tutta la valle Impero, da Imperia al Monte Grande (1400 m di altezza). Il santuario si raggiunge da Aurigo seguendo la strada che porta alla frazione Guardiabella.

  Indietro

 



 
 

Santuario di San Paolo

  Il Santuario di San Paolo sorge più in basso, presso il cimitero, in bella posizione su un piazzale circondato da ippocastani, con splendita vista sul paese.
Se le colonne e i capitelli sparsi all'intorno indicano l'esistenza di un edificio anteriore, l'odierna chiesa è dominata ad un rifacimento della fine del Conquecento (momento a cui risale la cupola ottagonale impostata sull'abside quadrangolare, forse appartenente all'edificio primitivo) e fu ancora successivamente rimaneggiata, dato che il portale - che reca sull'architrave la figura di San Paolo e di altri due santi - porta un'iscrizione datata 1604. Il Polittico del XVI Secolo della chiesa di S.Paolo
Un'ulteriore trasformazione, barocca, si ebbe nel Settecento.
All'interno si conserva il polittico del "Pancalino" con San Paolo e altri santi, datato 1569. 
L'edificio fu trasformato in forme barocche nella prima meta' del settecento con la realizzazione di un'unica navata e l'aggiunta del portico. 

Il Santuario e' uno dei rarissimi esempi di architettura rinascimentale del Ponente ligure, esso si raggiunge da Aurigo seguendo la strada che sale alla frazione Guardiabella.

Altri particolari degni di nota di questo Santuario sono le balaustre scolpite.

    Indietro