Curiosità e tradizioni

 

 

 Il Paese e la sua posizione

 Cenni storici

 


 
 
 

Il Paese e la sua posizione

Uno scorcio suggestivoL'abitato di Aurigo, comune dell'alta valle Impero, è situato sul maggiore contrafforte del Monte Guardiabella (1200 m) ad una altitudine di circa 450 m sul livello del mare.
Il paese riceve la luce del sole dal alba al tramonto grazie alla sua posizione privilegiata ed è da questa che prende il nome: infatti Aurigo deriva dal latino "apricus" che significa soleggiato.
Da Aurigo si può godere di una fantastica vista su una parte della catena delle prealpi Marittime.

Alcune vedute suggestive

  Indietro

 


 
 
 

Cenni storici

La località era già sede del castello dei Ventimiglia-Lascaris costruito intorno alla metà del XII secolo.
I resti di questa antica fortificazione si trovano nella parte settentrionale di Aurigo a poca distanza dal Palazzo de Gubernatis, già castello Lascaris del XV secolo con interessanti portali in pietra nera, infine con Carlo Emanuele I entrò a far parte dei domini sabaudi. Con ogni probabilità l'abitato originario si estendeva piu in alto, vicino alla chiesa di Sant'Andrea , antica pieve medioevale attribuibile al XII secolo, ma rifatta in epoca barocca.
Di notevole interesse il campanile che potrebbe essere la derivazione di una torre del sistema difensivo della Valle del Maro.
PoggialtoLa chiesa parrocchiale della Natività è stata costruita in stile barocco da G. F. Marvaldi.
La presenza dei conti di Ventimiglia è poco leggibile, se non nei resti del palazzo Lascaris, impreziosito da bei portali, e nelle sovrapporte che si trovano nella via principale, testimonianza di un passato di prestigio.
A poca distanza da Aurigo, su un bel piazzale reso suggestivo dai resti di antiche colonne, si trova il santuario di San Paolo , di origini medioevali, ma ricostruito nel XVI secolo. La facciata e abbellita da un portale del 1602, all'interno si può ammirare un polittico raffigurante San Paolo attribuito al Pancalino. La torre della Colombera
Sulla via che collega Aurigo al santuario è interessante una serie di edicole scolpite in pietra grigia.
A Poggialto non si trovano opere d'arte di rilievo, a parte l'oratorio di San Bernardo con una bella acquasantiera medioevale. Il paese e stato costruito vicino alla Torre della Colombera del XII - XIII secolo, avamposto del sistema difensivo del Maro.

La vita economica del paese resta legata alla produzione olearia: ne sono a dimostrazione i frantoi ancora presenti e funzionanti e i molti ettari di terreno coltivati ad uliveto.

  Indietro